Borsa Winter Jazz Festival – Febbraio Marzo 2024

L’attesa è finita! Siamo entusiasti di annunciare la rassegna jazz che animerà il nostro locale nei prossimi lunedì d’inverno. Dal 5 febbraio al 25 marzo, ogni lunedì alle 21.15, la musica live vi aspetta sotto le volte della Basilica Palladiana.

Lineup:

05.02 FABIO ZEPPETELLA ORGAN TRIO FEAT. ROSS STANLEY

12.02 CHRISTOPH IRNIGER TRIO & BEN VAN GELDER

19.02 LORENZO SIMONI QUARTET

26.02 MAURIZIO GIAMMARCO MEETS DOMENICO CALIRI TRIO

04.03 SANDY PATTON & MASSIMO FARAÒ TRIO

11.03 FLAVIO BOLTRO PLAYS “BLUE NOTE”

18.03 CHAMPIAN FULTON TRIO FEAUT. SCOTT HAMILTON

25.03 ROSARIO BONACCORSO “THE SOUND OF US”

Tutti i concerti iniziano alle 21.15. Dalle 20 è possibile cenare.

I concerti saranno trasmessi in diretta sul canale Instagram del locale.

Ingresso libero, prenotazione tavolo consigliata: 0444 544583 | prenotazioni@barborsa.com

Si ringraziano gli sponsor Gruppo HDI assicurazioni e Banca del Veneto Centrale.

Borsa Autumn Jazz Festival – Ottobre Novembre 2023

Dal 9 ottobre al 27 novembre il jazz e le sue contaminazioni animano il Borsa di Vicenza.

L’autunno al Borsa di Vicenza si tinge dei colori caldi e avvolgenti del jazz. World music, swing, soul e chiaramente il jazz e le sue infinite contaminazioni: è la rassegna autunnale del noto locale in Piazza dei Signori, che da oltre dieci anni è uno dei punti di riferimento in Veneto per la musica dal vivo.

Il viaggio sonoro ha inizio il 9 ottobre con Haiku, il nuovo progetto artistico del sassofonista Maurizio Camardi, che propone un repertorio tra jazz e world music, accompagnato da David Soto Chero (chitarre), Riccardo di Vinci (basso elettrico) e Ernesttico (batteria e percussioni). Una finestra aperta a ritmi, melodie e timbri che porteranno il pubblico in un ideale viaggio dove la musica abbatte frontiere e confini geografici e sonori. In questo progetto Camardi ha voluto accanto a sé musicisti affermati e in grado di spaziare da atmosfere meditative a ritmi coinvolgenti, grazie alla fusione tra gli strumenti musicali tipici della tradizione jazz e i fiati etnici di varie parti del mondo.

Il 16 ottobre è la volta di Sugarpie & The Candymen, quintetto formato nel 2008 tra Cremona e Piacenza, composto dalla cantante Miss “Sugarpie”, Lara Ferrari, e dai suoi Candymen: Jacopo Delfini (chitarra gipsy e armonie vocali), Renato Podestà (chitarra, banjo e armonie vocali), Roberto Lupo (batteria) e Alessandro Cassani (contrabbasso).
Il loro marchio di fabbrica fin dagli esordi è stato modellare i classici del rock e pop in uno stile retrò che evoca il jazz manouche, l’era dello swing e il primo rock and roll, con arrangiamenti vocali e strumentali allo stesso tempo virtuosistici e pieni di humor. Una loro versione di “Bohemian Rapsody” è stata pubblicamente lodata dal chitarrista dei Queen Brian May.

Il quartetto del sassofonista Michele Polga si esibisce il 23 ottobre, affiancato da Alessandro Lanzoni al pianoforte, Gabriele Evangelista al contrabbasso e Bernardo Guerra alla batteria. Dopo Little Magic, ultimo cd come leader edito da Caligola Records, Michele Polga ha formato questo nuovo quartetto per continuare ad investigare nella propria ricerca musicale.
Sul palco del Borsa propone composizioni originali ispirate dalla tradizione del jazz e dall’attuale scena newyorkese, che in particolar modo in quest’ultimo periodo ha assorbito molte influenze da altri generi musicali ma le ha fatte proprie senza perdere la connessione con l’essenza stessa di questa musica.

Il 30 ottobre la band AtmoSphere formata da Mauro Negri (sax), Paolo Birro (pianoforte), Lorenzo Conte (contrabbasso) e Andrea Michelutti (batteria) festeggia i 35 anni di musica live proponendo composizioni inedite affiancate al loro repertorio storico.

Il 6 novembre il Borsa ospita lo straordinario pianista americano David Kikoski, affiancato da Essiet Essiet al basso e Joris Dudli alla batteria. Kikoski è uno dei maestri del pianoforte jazz americano, vanta un eccezionale curriculum come leader di trio, nonché collaborazioni di rilievo con RoyHaynes, John Scofield, Michael Brecker, Chris Potter, Joe Henderson, Dave Holland, Jeff Tain Watts e nella Mingus Big Band, assieme alla quale ha vinto un Grammy Award per il miglior album di ensemble jazz dal vivo. I suoi concerti dal vivo sono sempre connotati da una straripante energia e da una personale rilettura dell’universo del jazz moderno.
Essiet Essiet, nigeriano, è uno dei bassisti di punta della scena jazz attuale; conosciuto a livello internazionale, si è esibito e ha registrato con molti luminari del jazz.
Joris Dudli è stato membro permanente della Vienna Art Orchestra e dell’Art Farmer Quintet dal 1979 al 1985. Dopo essersi trasferito negli Stati Uniti nel 1986, ha suonato e registrato con alcuni dei più grandi musicisti jazz del mondo.

Il lunedì successivo, 13 novembre, è la volta del quartetto formato da Robert Bonisolo (sax), Dario Carnovale (pianoforte), Lorenzo Conte (contrabbasso) e Ferenc Nemeth (batteria). Le collaborazioni fra i quattro musicisti si sono intrecciate nel corso degli anni andando a creare un precedente solido, la cui naturale evoluzione è stata la scelta di ritrovarsi per la prima volta riuniti sullo stesso palco.

Lunedì 20 novembre è il momento di Connections 4tet, formazione nata dall’incontro tra Francesco Bearzatti, noto tenorista della scena contemporanea e il virtuoso vibrafonista Giovanni Perin.
Insieme danno luce ad un accattivante progetto musicale volto a rileggere alcune delle più belle canzoni tratte dal tradizionale songbook americano completamente riarrangiate per l’occasione, nonché alcuni brani originali del gruppo. A completare il particolare ensemble troviamo il bassista americano Roberto Occhipinti ed il versatile Luca Colussi alla batteria.
Il progetto vuole essere la somma delle esperienze musicali dei protagonisti ed è dunque impossibile parlare di uno stile ben definito in quanto jazz, musica latina, e fusion si intrecciano con sonorità più moderne.

La rassegna chiude in grande stile il 27 novembre con un trio guidato dal grande sassofonista australiano Nick Hempton, per l’occasione accompagnato da Giulio Campagnolo all’organo e Adam Pache alla batteria.
Nick Hempton è un sassofonista contralto e tenore, vive a New York dal 2004 dove è conosciuto come leader, sideman, compositore e produttore. Dotato di un suo personale stile, e un suono caldo e pieno di swing che viene dalla tradizione dei musicisti come Dexter Gordon, Sonny Stitt e Cannonball Adderley. Ha inciso sette dischi a suo nome e oggi porta la sua musica in tutto il continente.

Tutti i concerti iniziano alle 21.15. Dalle 20 è possibile cenare.

I concerti saranno trasmessi in diretta sul canale Instagram del locale.

Ingresso libero, prenotazione tavolo consigliata: 0444 544583 | prenotazioni@barborsa.com

Si ringraziano gli sponsor Gruppo HDI assicurazioni e Banca del Veneto Centrale.

Borsa Spring Jazz Festival – Maggio 2023

Dal 12 al 19 maggio torna al Borsa lo Spring Jazz Festival in concomitanza con il consueto Vicenza Jazz Festival.

Membro dell’associazione Italian Jazz Club, il locale in piazza dei Signori propone sette concerti con affermati musicisti italiani e internazionali, che porteranno sotto la magnifica cornice della Basilica Palladiana le mille sfaccettature della musica jazz, passando attraverso la black music, il gipsy jazz, la musica popolare brasiliana fino al jazz elettrico del grande Miles Davis.

Inaugura la rassegna venerdì 12 maggio Daniella Firpo, cantautrice brasiliana nativa di Salvador de Bahia. Nel concerto canterà insieme a Daniele Santimone (chitarra) Paolo Andriolo (basso) e Roberto Red Rossi (batteria / percussioni), musicisti con un profondo legame con la musica brasiliana. Il concerto fa omaggio ad uno dei luoghi più musicali del pianeta, Bahia, anima e corpo della cultura afro-brasiliana e percorre un repertorio dedicato alle tematiche e racconti di questa “Città-Nazione” attraverso immancabili composizioni dei figli di Bahia come Dorival Caymmi, Caetano Veloso, Baden Powell, Novos Baianos e soprattutto Gilberto Gil.

Domenica 14 maggio è la volta di Dexter Ride Again, quartetto capitanato dal bolognese Piero Odorici al sax e dal pianista vicentino Paolo Birro, in un tributo al grande sassofonista e compositore Dexter Gordon nel centenario della sua nascita. Molti lo ricorderanno anche per la magistrale interpretazione come attore protagonista nel film di Bertrand Tavernier Round’ Midnight. Completano il quartetto il contrabbassista Makar Novikov e il batterista Pasquale Fiore.

Lunedì 15 maggio spazio alla band vicentina Vertical, quintetto che si ispira alla black music formato da Antonio Gallucci al sax e voce, Nicola Tamiozzo alla chitarra e voce, Paolo Bertolaso alle tastiere, Filippo Rinaldi al basso elettrico e Alessandro Lupatin alla batteria. Nel 2005 i Vertical hanno aperto i concerti del grande James Brown.

Martedì 16 altra incursione nelle sonorità brasiliane con il quartetto del batterista e compositore Reinaldo Santiago che presenta l’album The Colors of the Planet, un viaggio attraverso la ricca e colorata cultura del Brasile, dove samba, reggae e jazz si tendono la mano. Con lui sul palco del Borsa il pianista statunitense Greg Burk, Daniele Tittarelli al sax alto e Giulio Scianatico al basso.

Mercoledì 17 si esibisce il quartetto Three Plus – Electric Miles Away, progetto ispirato dalla musica elettrica sperimentale di Miles Davis e dal sound inconfondibile che ne è derivato successivamente. Il repertorio spazia da brani originali, al jazz, a brani pop, rock, funk rivisitati, alternati a momenti di pura improvvisazione. Sul palco il trombettista David Boato, il sassofonista Michele Polga, il bassista Blake C.S.Franchetto e il batterista Ricky Quagliato.

Giovedì 18 è in scena il chitarrista francese Samy Daussat con il suo Italian project, un autentico omaggio alla musica di Django Reinhardt. Il sound ripropone la musica della Parigi degli anni 30, perfetta miscela tra il romanticismo classico-melodico di radice europea e lo swing americano, noto come Jazz Manouche o Gypsy Jazz nella versione più contemporanea. Al suo fianco il chitarrista Martino Salvo, il clarinettista Daniele Socal e il contrabbassista Luca Pisani.

Venerdì 19 conclude il Borsa Spring Jazz Festival 2023 Wayning Moments, un quartetto formato dal sassofonista Robert Bonisolo, Dario Carnovale al piano, Lorenzo Conte al contrabbasso e Matteo Rebulla alla batteria, in un tributo al grande sassofonista e compositore Wayne Shorter, scomparso nel febbraio scorso.

Tutti i concerti iniziano alle 21.30. Dalle 20 è possibile cenare.

I concerti saranno trasmessi in diretta sul canale Instagram del locale.

Ingresso libero, prenotazione tavolo obbligatoria: 0444 544583 | prenotazioni@barborsa.com

Si ringraziano gli sponsor Gruppo BCC ICCREA di Verona e Vicenza, HDI assicurazioni e Tuoteam.

Borsa Vicenza - Ristorante * Cocktail bar * Jazz Club * Private Events - Winter Jazz Festival 2023

Borsa Winter Jazz Festival – Febbraio/Marzo 2023

La rassegna invernale firmata Borsa porta in città musicisti italiani e internazionali per un altro viaggio sulle orme del jazz

Dal 6 febbraio al 27 marzo il jazz club Borsa in piazza dei Signori a Vicenza torna ad ospitare le serate jazz. Sono otto i concerti della rassegna invernale, in programma ogni lunedì e ad ingresso libero.

Il concerto di apertura, in programma il 6 febbraio, vede in scena il quartetto di Carlo Atti, talentuoso e versatile sassofonista jazz. Ad accompagnarlo sul palco del Borsa ci sarà una ritmica di eccellenza composta dal pianista veneziano Matteo Alfonso, docente di piano jazz al conservatorio della sua città natale, al contrabbasso il poliedrico Stefano Senni e alla batteria il giovane Andrea Grillini.

Il 13 febbraio è la volta di Alex Sipiagin, trombettista russo ma americano di adozione, da molti anni esponente di primo piano del jazz newyorkese e membro della Mingus Big Band. Al suo fianco il pianista Paolo Birro, il bassista russo Makar Novikov e il batterista della Grande Mela Jesse Simpson. Il repertorio verte su composizioni legate allo stile vigoroso ed evocativo del jazz modale.

Il 20 febbraio sale sul palco del Borsa Leroy Emmanuel, uno dei più acclamati chitarristi del funk-soul americano. Carismatico sessionman e bandleader esponente della Motown music, arriva in Italia per la prima volta nel 2010 e a fianco del batterista Vincenzo Barattin dà vita al progetto Leroy Emmanuel International Soul-Brother. Direttamente dalla migliore tradizione della black-music, nato nel Sud e approdato a Detroit, Leroy Emmanuel dimostra quanti gioielli ci siano da scoprire tra le pieghe della musica americana. Oggi leader esperto e carismatico, spazia tra blues, soul e funk trascinando il pubblico in uno spettacolo intenso e coinvolgente. Al suo fianco il batterista Vincenzo Barattin, il pianista Gianpaolo Rinaldi e il bassista Andrea Tombesi.

Il 27 febbraio è la volta di Nemesis, progetto nato dalla collaborazione artistica tra Jure Pukl e Alessandro Lanzoni. Jure Pukl è una delle figure più di rilievo dell’attuale panorama sassofonistico. Considerato uno dei compositori più interessanti in assoluto al momento, nonché grande virtuoso del proprio strumento. Alessandro Lanzoni, pianista fiorentino, è una delle più importanti rivelazioni del jazz italiano, se si considera che già da una decina di anni è all’attenzione di critica e pubblico per la profondità con cui esprime la sua poetica basata su una enciclopedica cultura musicale. I due musicisti sono affiancati da una delle migliori ritmiche americane in circolazione, quali il giovane ma già affermato Joe Sanders e Kendrick Scott.

Il 6 marzo torna sul palco del Borsa la cantante e pianista americana Champian Fulton, pilastro della vibrante scena musicale di New York, esibitasi con giganti del jazz quali Lou Donaldson, Clark Terry, Louis Hayes e Buster Williams, e nominata due volte Rising Jazz Star of the Year dalla rivista Downbeat. Al suo fianco Joel Frahm, uno dei sassofonisti post-bop più applauditi nei club di New York, affiancato da Joris Dudli alla batteria e Lorenzo Conte al basso.

Il 13 marzo arriva a Vicenza Blue Naïf, progetto che intende rinnovare una tradizione tipicamente europea inaugurata dal jazz parigino degli anni Trenta, celebrando la sovrapposizione dell’idioma jazzistico afroamericano al folklore popolare europeo, tra cultura balcanica, celtica e gypsy.
La pulsione ritmica di chitarra e contrabbasso ed il virtuosismo e l’enfasi descrittiva di violino, pianoforte e fisarmonica sono gli elementi che meglio descrivono questo progetto, in cui creazione e stile si rincorrono senza soluzione di continuità tra swing, jazz manouche, tempi latini, ballate irlandesi e valse musette, in un repertorio di composizioni originali e arrangiamenti di brani tradizionali che idealmente ricongiungono le Americhe e il Mediterraneo. Il quartetto è formato da Ivan Tibolla al piano e accordeon, Mattia Martorano al violino, Andrea Boschetti alla chitarra e Ale Turchet al basso.

Il 20 marzo si esibisce un quartetto guidato da Max Ionata al sax e Luca Mannutza al pianoforte.

Il repertorio comprende alcune composizioni originali dei due musicisti e non disdegna l’esecuzione di brani classici tratti dal vasto repertorio jazzistico. Al loro fianco Francesco Angiuli al contrabbasso e Pasquale Fiore alla batteria.

Chiude la rassegna il 27 marzo Andrea Molinari, giovane e talentuoso chitarrista marchigiano, che al Borsa presenta “51”, il suo ultimo disco edito dalla prestigiosa etichetta statunitense Ropeadope Records e candidato in quattro categorie alla 62a edizione dei Grammy Awards, affiancato dal pianista Enrico Zanisi, il bassista Matteo Bortone e il batterista Enrico Morello.

Tutti i concerti iniziano alle 21.15. Dalle 20 è possibile cenare.

I concerti saranno trasmessi in diretta sul canale Instagram del locale.

Ingresso libero, prenotazione tavolo obbligatoria: 0444 544583 | prenotazioni@barborsa.com

Si ringraziano gli sponsor Ceccato Automobili e HDI assicurazioni.

Borsa Vicenza - Ristorante * Cocktail bar * Jazz Club * Private Events - Winter Jazz Festival 2023

Borsa Autumn Jazz Mondays

Dal 10 ottobre al 28 novembre, ogni lunedì sera, il jazz e le sue contaminazioni tornano ad animare lo storico locale in Piazza dei Signori.

Ritornano i lunedì live al Borsa, storico locale vocato al jazz presente in Piazza dei Signori a Vicenza, sotto le volte maestose della Basilica Palladiana.

Una location esclusiva e senza tempo che ben si presta ad ospitare la musica dal vivo, se non fosse perché il mood che si crea è la stessa presente in altri jazz club sparsi in giro per il pianeta. L’atmosfera è intima ma informale, le luci sono soffuse, è possibile assistere ai concerti cenando o sorseggiando un drink, mentre davanti al pubblico si esibiscono artisti italiani e internazionali che insieme sul palco abbattono confini e barriere.

Sono otto i concerti di Autumn Jazz Mondays, diretti dal musicista Lorenzo Conte, in scena ogni lunedì sera dal 10 ottobre al 28 novembre.

“Il festival unisce affermati musicisti internazionali a giovani promesse del jazz, saranno preziose occasioni di sintonia musicale, dove il jazz crea unione perché va oltre alla provenienza geografica, alla lingua parlata e alla cultura”, racconta il Responsabile Borsa Alessandro Ferraro.

Il primo concerto del 10 ottobre vede sul palco il trombettista Mauro Ottolini in trio con Thomas Sinigaglia alla fisarmonica e Marco Bianchi alla chitarra. Presentano il nuovo progetto “In quell’angolo di strada”, dove risuonano tradizione italiana, blues, gipsy, rumbe esotiche, melodie e canzoni di Ellington, Fats Waller, Amalia Rodriguez, Tom Waits e Don Cherry. La formazione coniuga ricerca sonora ed estro, conoscenza delle tradizioni e utilizzo di strumenti ancestrali come conchiglie, ottoni, fisarmonica e chitarra, con la sperimentazione e la sintesi dei nuovi linguaggi musicali, in un’avventura melodica e coinvolgente, che ripercorre quasi un secolo di storia del jazz.

Il 17 ottobre si esibisce il trio formato dal veneziano David Boato alla tromba e filicorno, dall’italoghanese Blake Cory Sawyer Franchetto al basso e dall’australiano Adam Pache alla batteria. I tre musicisti riprendono alcuni brani divenuti icone del jazz, offrendone una rilettura personalizzata. Allo stesso tempo ne esplorano altri che appartengono a contesti musicali diversi ed aggiungono al repertorio alcuni originali, dipingendo un’immagine minimalista della tradizione del jazz. Le diverse esperienze dei tre artisti confluiscono nel progetto e contribuiscono ad arricchirne la sonorità, mettendo in risalto aspetti e sfumature delle composizioni altrimenti meno evidenti in ensemble più ampi.

Lunedì 24 ottobre il sassofonista newyorkese Jim Snidero, di recente recensito con un voto a 5 stelle da Downbeat Magazine e definito come un musicista dotato di “incredibile abilità e delicata musicalità”, si esibisce in quartetto con Danilo Memoli, pianista partenopeo ma vicentino di adozione, il contrabbassista toscano Paolo Benedettini e il batterista americano Rick Hollander.

Chiude il mese di ottobre la voce carismatica e dalle mille sfumature della cantante vicentina Kicca Andriollo, sul palco del Borsa per presentare il suo nuovo album “Call me sugar”. Al suo fianco Oscar Marchiori, virtuoso delle testiere, Nicola Tamiozzo alla chitarra elettrica, Filippo Rinaldi al basso e Alessandro Lupatin alla batteria.

Il mese di novembre si inaugura lunedì 7 novembre con un quartetto internazionale composto da due veterani del jazz, l’austriaco Joris Dudli alla batteria e Rosario Bonaccorso al contrabbasso, ai quali si affiancano due giovani astri nascenti, il sassofonista austriaco Gregor Storf e il trombettista americano figlio d’arte Wallace Roney Jr.

Lunedì 14 novembre il concerto di punta della rassegna, sul palco del Borsa la voce meravigliosa di Sharon Clark, vincitrice del Bistro Award di New York come Best Vocalist e solista di primo piano con la Smithsonian Jazz Masterworks Orchestra (l’orchestra jazz nazionale degli Stati Uniti).

Americana di Washington, è stata apprezzata da figure storiche del jazz americano come Aretha Franklin, Cassandra Wilson, Buster Williams. Nel corso della sua carriera si è esibita con grande successo in lunghi tour che hanno attraversato gli Stati Uniti, l’Asia e l’Europa. Il suo repertorio è composto da standard del jazz tra cui alcune perle di Burth Bucharach, Ethel Ennis e Nat King Cole, per un concerto che si preannuncia pieno di accattivanti armonie e carico di swing. Ad accompagnarla nel suo primo tour italiano il trio del pianista Daniele Gorgone, con Marco Piccirillo al contrabbasso e Gaetano Fasano alla batteria.

Il 21 novembre è la volta di un altro ospite speciale: il sassofonista americano Doug Lawrence, nato in Louisiana e cresciuto in New Mexico, ha poi trascorso più di venti anni a New York City, dove si è fatto conoscere. Tra gli artisti con cui si è esibito e ha registrato ricordiamo Ella Fitzgerald, Benny Goodman, Aretha Franklin, Tony Bennett, Dizzy Gillespie, Ray Charles, Sarah Vaughan, Frank Sinatra, Nancy Wilson, Dee Dee Bridgewater, Lady Gaga, e tanti altri. Con lui sul palco il trio di Massimo Faraò, considerato uno dei migliori pianisti italiani, Nicola Barbon al contrabbasso e Byron Landham alla batteria.

Chiude la rassegna autunnale un quartetto formato da talentuosi musicisti che il pubblico del Borsa già conosce: Mauro Negri al sax alto e clarinetto, Dario Carnovale al pianoforte, Lorenzo Conte al contrabbasso e Sasha Mashin alla batteria; insieme danno vita agli Exit Four!, in scena il 28 novembre. Il loro video promo è stato girato al Borsa ed è disponibile per la visione su YouTube.

Tutti i concerti iniziano alle 21.15. Dalle 20 è possibile cenare.

I live saranno trasmessi in diretta sul canale Instagram del locale.

Ingresso libero, prenotazione tavolo consigliata: 0444 544583 | prenotazioni@barborsa.com

Si ringraziano gli sponsor Trivellato e HDI assicurazioni.

Borsa Trivellato Jazz Cafè – Luglio 2022

Ritorna il Summer Jazz Festival di Trivellato Borsa Jazz Cafè.

Tre i concerti nel nostro meraviglioso plateatico palladiano:

Giovedì 14 luglio: Dario Carnovale New Trio

Venerdì 15 luglio: Mauro Negri meets Dario Carnovale New Trio

Sabato 16 luglio: Giancarlo Binchetti 4tet

Prenota ora il tuo tavolo: 0444 544583 | prenotazioni@barborsa.com

Borsa Trivellato Jazz Cafè – Maggio 2022

Dal 13 al 21 maggio la musica live torna a riempire i portici della Basilica Palladiana

Il Trivellato Jazz Cafè si inserisce all’interno del festival New Conversations – Vicenza Jazz, quest’anno dedicato al centenario dalla nascita di Charles Mingus, una delle figure di spicco della storia della musica afroamericana.

Al Borsa in programma 9 concerti:

13 Maggio: Andrea Pozza Trio, guest star Bobby Watson

14 Maggio: Emiliano D’Auria Quartet feat Luca Aquino

15 Maggio: Barend Middelhoff & Peter Bernstain

16 Maggio: Indaco Trio

17 Maggio: Michele Tino, Belle Epoque

18 Maggio: Scott Hamilton Quartet

19 Maggio: Five for Trane Quartet

20 Maggio: Bentivoglio All Stars

21 Maggio: Gatsby Swing Quartet

Inizio concerti 21.15, dalle 20 è possibile cenare.

Prenota ora il tuo tavolo: 0444 544583 | prenotazioni@barborsa.com

Borsa Winter Jazz Festival 2022 – The Other Side of Jazz

Dal 14 febbraio al 4 aprile torna Borsa Jazz Festival: in scena il jazz e le sue contaminazioni, che vanno dal swing al soul, fino all’electro. Avremo il piacere di ascoltare strumenti insoliti come il cajon, le pentole cromatiche, il sousafono e il banjo. Non mancano le serate dedicate ai puristi del jazz, dove immergersi negli standard che hanno reso questo genere musicale conosciuto e apprezzato in tutto il mondo.

Primo appuntamento lunedì 14 febbraio con XYQuartet, formazione nata nel 2011 e considerata oggi un punto di riferimento del nuovo jazz italiano. Svariate influenze contraddistinguono le sonorità della band: jazz, contemporanea, minimalismo, elettronica, per confluire infine in un linguaggio peculiare, caratteristico e unico, che fa di XYQuartet una band originale nel panorama internazionale. Sul palco Nicola Fazzini al sax alto, Alessandro Fedrigo alla chitarra e basso, Saverio Tasca al vibrafono e Luca Colussi alla batteria.

Inizio concerti 21.15, dalle 20 è possibile cenare.

Prenota ora il tuo tavolo: 0444 544583 | prenotazioni@barborsa.com

Borsa Jazz Festival 2022 - Piazza dei Signori 26, Vicenza - Basilica Palladiana

Borsa Autumn Jazz Festival – Ottobre/Novembre 2021

Ci siamo, l’attesa è finita, il nostro locale torna ad ospitare la musica jazz.

Dal 15 ottobre al 29 novembre saliranno sul nostro palco otto band, musicisti italiani e stranieri che ci accompagneranno per tutto l’autunno. Il concerto d’apertura si celebra in occasione della “Giornata nazionale dei jazz club italiani” ed è organizzato in collaborazione con Italia Jazz Club.

Inizio concerti 21.15, dalle 20 è possibile cenare.

Prenota ora il tuo tavolo: 0444 544583 | prenotazioni@barborsa.com